Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

LA SCUOLA E’ FINITA: NON MANDIAMO IN VACANZA ANCHE LO SPAZZOLINO!

KIDS / June 7, 2015

Siamo giunti alla fine della scuola, Mario non vedeva l’ora di iniziare il meritato periodo di vacanza! In queste settimane i nostri piccoli devono proprio riposarsi e divertirsi in modo da ripartire carichi per il prossimo anno scolastico, però attenzione a non mandare in vacanza le corrette abitudini come quella di lavare bene i denti.

L’estate è ricca di situazioni che possono minare la salute di denti e gengive, per cui questa settimana abbiamo voluto chiedere al nostro referente di odontoiatria infantile dr. Gaetano de Nicolo del centro Omniadent Odontoiatria e Ortodonzia di Milano,  alcune cose relative proprio all’igiene orale, ricordandovi che la nostra rubrica sulla salute orale dei bambini va avanti da diverse settimane e se lo vorrete sarà possibile consultare le puntate precedenti attraverso i seguenti link:

http://www.imurr.com/il-vostro-bimbo-succhia-il-dito-puo-essere-una-necessita/

La prima domanda che vogliamo sottoporre è:

Quando e come vanno lavati i denti?

Dobbiamo distinguere a seconda dell’età, modi, metodi e accessori specifici.

Ai bimbi piccoli fino ai 6 anni, i denti li dovranno lavare i genitori, ricordiamoci come diciamo sempre che i denti dei bimbi sono i denti dei genitori. I lavaggi devono avvenire dopo ogni pasto principale, considerando però che a scuola non possono lavare i denti, lo potranno fare a casa al rientro dopo la merenda. La tecnica di spazzolamento sui denti da latte richiede meno precisione che sui denti pemanenti, per cui è importante che si passi lo spazzolino su tutte le superfici del dente, utilizzando spazzolini molto piccoli e dentifrici dedicati alla loro età.

Raggiunti i 6 anni le cose cambiano, i bimbi diventano piú grandi e ció lo dimostra anche il fatto che iniziano ad erompere i denti permanenti, per cui da qui dobbiamo iniziare a prestare più attenzione a diverse cose:

1- È giusto che i bimbi facciamo un primo incontro con l’igienista dentale, affinche possa spiegare a loro e ai genitori come ci si deve lavare i denti nel caso specifico, oltre ad effettuare le sigillature sulle superfici masticanti dei primi molari permanenti che erompono proprio a questa età, al fine di evitare formazioni di carie su denti che dovranno rimanere in bocca, si spera, tutta la vita.

2- il metodo di spazzolamento. A valori medi possiamo dire che lo spazzolino da utilizzare deve essere, manuale, con testina piccola e setole morbide, passandolo dalla gengiva verso il dente in particolare dove abbiamo già dei denti permanenti.

3- ora i bimbi vanno responsabilizzati e gli incontri futuri con l’igienista struttureranno un clima di cooperazione al fine del raggiungimento di un sorriso sano, fresco e pulito!

 

Spesso i bimbi pur lavando i denti non sono efficaci, come possiamo fare?

Ci sono dei siatemi di controllo della rimozione della placca batterica che si chiamano pastiglie rilevatrici di placca, ovvero una piccola pastiglietta color porpora che va succhiata e funziona da indicatore chimico, ovvero va a colorare molto la placca. Questa andrebbe usata per qualche giorno per farsi un’esperienza, prima e dopo aver lavato i denti. Usandola prima capisco quali sono le zone di maggior accumulo, e quindi si impara ad insistere laddove serve. Usandola dopo aver lavato i denti verifico l’efficacia del lavaggio e qualora non fosse sufficiente posso ripassare per migliorare.

Queste indicazioni vengono spiegate ampiamente dall’igienista dentale, nel mio centro le igieniste dentali dedicano molto tempo con i bimbi per spiegare loro le tecniche e strutturare un rapporto fiduciario.

 

Come possiamo fare noi genitori quando i bimbi per pigrizia non vogliono lavare i denti?

Diciamo che chi ben inizia è a metà dell’opera! Conta molto come è iniziato il percorso, ovvero, se diventa una consuetudine fin da piccoli i capricci diventano davvero limitati. Certo che iniziare il percorso da grandi richiede proprio l’intervento dell’igienista che struttura un nuovo rapporto di confronto costante.Per aiutare a casa è utile lavare i denti tutti insieme in famiglia, organizzando magari dei giochi a premi legati al positivo giudizio della successiva visita con l’igienista.

 

E l’uso degli zuccheri?

Degli zuccheri i bimbi ne hanno bisogno, non devono essere evitati completamente, ma ridotti e in particolare concentrati in un momento della giornata, ad es all’ora della merenda, in modo che il bimbo dopo possa lavare i denti.

È dannoso il continuo utilizzo di zuccheri durante il giorno, come ad es, un cioccolatino, poi dopo un’oretta il latte e poi la merendina e poi la caramella etc etc. Questo crea ampi presupposti per la formazione delle carie.

Il consiglio che vorrei dare per l’estate è di limitare caramelline zuccherate e dolci confezionati, prediligendo ad esempio la frutta o un buon gelato, magari fatto in casa, e subito dopo lavare i denti.

 

Continuate a seguire la nostra rubrica e se avete domande da porre al dr Gaetano de Nicolo non esitate nel farlo!

Un bacino a tutti.

 

I MURR

FullSizeRender-6FullSizeRender-4FullSizeRender


Tags: , , , , , , , , , , , ,




Previous Post

INSALATA DI RADICE DI LOTO

Next Post

LA PERCEZIONE VISIVA TRA ARTE E SCIENZA: PUNTI DI VISTA DIVERSI





You might also like



0 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *