Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

I BAMBINI E LE LORO EMOZIONI

KIDS / March 1, 2015

Sempre più bambini oggi non sanno attribuire il nome giusto al sentimento o l’emozione che stanno provando. Ecco perché è fondamentale fin da piccoli far capire loro ciò che stanno provando.
È importantissimo ascoltare i nostri figli e quando ci spiegano ciò che provano  dare a loro il nome giusto:  ” Ho litigato con un mio amico, sono arrabbiato perché non mi ha ascoltato, non ha voluto giocare con me “. Oppure:
” Sono triste perché non ho potuto giocare con la mia migliore amica”. Questo lavoro è importantissimo perché se chiamiamo tutto con il loro nome, sapremo anche mettere in campo le giuste strategie per metabolizzare ciò che proviamo.

Spieghiamo anche che la ” la rabbia “, più di altri sentimenti, bisogna riconoscerla e trovare il mondo per gestirla, perché altrimenti monta e si scatena (possiamo fare anche l’esempio del bianco del uovo e far vedere come si trasforma l’albume).
Noi genitori ricordiamoci di non dire mai “sei cattivo” perché ha disubbidito o disatteso un nostro desiderio. Nostro figlio quando ci ascolta non è in grado di  capire che è in quel momento che noi pensiamo queste cose, così si convincerà di essere veramente come noi lo vediamo.
Quando dobbiamo rimproverarlo,  specifichiamo sempre e bene che in quel momento non siamo contenti, in modo che lui possa capire .
Questo vale anche quando facciamo delle raccomandazioni: non parlare mai in modo negativo (es. ” mi raccomando, non fare il monello”), ma sempre in modo positivo (es. ” so che sei bravo, mi fido di te”).
Questo perché anche lui non si percepirà in modo negativo, ma in modo positivo e ciò cambierà poco a poco il suo modo di comportarsi.

Alla prossima
TATA ROX e I MURRFullSizeRender

IMG_2668

FullSizeRender(2)


Tags: , , , , ,




Previous Post

ORECCHIETTE CON LE CIME DI RAPA

Next Post

Fratelli Rossetti A/I 2015-16 – Collezione Donna Neo Bauhaus: tra design e architettura





You might also like



0 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *