Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

THE GREAT SMOKEY EYES

Beauty / May 22, 2013

Il film più atteso dell’anno, almeno per tutti coloro per i quali il senso estetico è appunto “un senso”, è arrivato!

Presentato in apertura alla mostra del cinema di Cannes, la nuova opera visionaria di Baz Luhrmann ci ripronpone una nuova versione del romanzo diFrancis Scott Fitzgerald: IL GRANDE GATSBY

Protagonisti della pellicola, al pari degli attori, quindi strepitosi, sono abiti e accessori simbolo del lusso e dello sfarzo dei ruggenti anni ’20, un decennio per gli Stati Uniti, caratterizzato da una euforia generale, grande fermento artistico e culturale dal cinema alla letteratura, alla moda, alla danza e alla musica che ha nel jazz e nel charleston la sua forza trainante.

In questo periodo di grande crescita economica, le donne iniziano a voler dichiarare in qualche modo la loro presenza e indipendenza. Sono anni di anticonformismo : assumeranno atteggiamenti provocatori (come bere e fumare) e per la prima volta il trucco e i capelli sono coinvolti in questo manifesto del cambiamento, per cui una donna adesso con fare seducente e languido può fare finalmente la “prima mossa”

1_anni 202_Clara-Bow-trucco anni 20

Esteticamente ci si focalizza quindi su una delle più grandi novità di tutti i tempi:

il cinema (muto e in bianco e nero) con le sue attrici e i loro sguardi ammalianti, dettano la prima vera tendenza di un canone estetico-sociale basato su uno dei contrasti di sempre ROSSO/NERO:

o pelle chiara di porcellana

o sopracciglia sottili e discendenti

o occhi fumosi grazie all’utilizzo di un solo colore (il nero) sfumato come una nuvola

cioè il leggendario SMOKY EYE

o labbra dalla forma a cuore nere o rosso scuro perchè lo ricordiamo :

Tutte le immagini sono in bianco e nero e si sceglie quindi l’unico colore che garantisce un contrasto per essere notato, il nero.

Non esistono cosmetici così come li intendiamo oggi: il primo rossetto cioè uno stick colorato contenuto in un cilindretto di cartone, spinto fuori da uno stantuffo arriva nel 1910, e cinque anni dopo assume le forme moderne

3_DAISY 14_DAISY 2

Sebbene nel romanzo, il personaggio di Daisy Buchanan fosse una bellissima ragazza dai capelli neri e lucenti, anche nel riadattamento cinematografico odierno di Baz Luhrmann, il personaggio è stato affidato alla bionda, britannica Carey Mulligan (fu cosi anche per “Il Grande Gatsby” del 1974, dove fu scelta Mia Farrow ), per cui la costruzione estetica del personaggio è avvenuta in considerazione dei suoi colori, come per le altre figure di maggior rilievo, e come ci spiega il pluripremiato (OSCAR) make up artist disigner MAURIZIO SILVI (collaboratore in tutti i più importanti film di B.L., quali Romeo+Giulietta, Moulin Rouge, Australia..)

“Carey è così delicata in tutto: occhi, guance e labbra.

Il segreto che fa notare Daisy nelle feste piene di altre donne, è la luce: sebbene si tratti di uno SMOKY EYES sono stati scelti toni nei marroni, grigi e neri che si differenziano nei diversi contesti ma che sempre fanno vibrare lo sguardo rendendolo luminoso e mai cupo

Poichè ,intelligentemente, non si tratta di una revocazione storica, le labbra hanno un adattamento moderno

“Abbiamo deciso che il rossetto rosso non era adatto alla sua personalità: meglio il rosa.”

Il dettaglio che dà il contesto storico al suo look è nelle sopracciglia che comunque restano folte e più naturali:

“Erano la parte più importante del viso perché rappresentavano la moda del momento quindi a tutte le donne le abbiamo fatte creando la forma allungata di quegli anni”.

5_truccatore sul set

Maurizio Silvi è inoltre convinto che ci sarà un grande ritorno al look anni ’20 e molte linee cosmetiche stanno infatti proponendo palette ad hoc perchè ogni donna possa realizzare il suo Gatsby look, ci dice infatti che :

“Tutte le donne possono indossare un look ispirato a questo film.Per tutto il film si vedranno diversi capelli di colore diverso ,sfumature dal biondo al rosso al nero per le brune. Sono sicuro che ognuna può adattare uno sguardo Gatsby che più gli conviene.”

ECCO ALCUNE DELLE SUE MAGNIFICHE PROPOSTE, REALIZZATE PER IL FILM:

6_trucco 17_trucco 28_trucco 3

La Leti


Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,




Previous Post

Wheatgrass, ovvero, elisir di benessere a 360°

Next Post

IMPARARE A VEDERSI BELLE





You might also like



0 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *