Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

MANGIARE, BERE, UOMO, DONNA

Food / RICETTE / December 8, 2013

Ciao cari! Come state?

Io bene! Questa settimana l’ho trascorsa bene. Ho fatto visita ai miei genitori per il compleanno di mia sorella e siamo stati a cena in una ristorante in cui cucinano pizze particolari con diversi tipi di impasto aromatizzati (al finocchietto, al balisico, con grano saraceno e mais e altre ancora). Mi ha davvero soddisfatto.
Queste giornate assolate mi mettono di buon umore, anche se poi fa un freddo glaciale. Mi piace perdere qualche minuto guardando fuori dalla finestra per vedere il cielo completamente terso e il sole che illumina i palazzi. Certo, questo fenomeno assurdo per cui alle 5 di pomeriggio è già buio proprio non lo digerisco.
Questa settimana il tema del blog è stato il CINEMA. Altra mia grande passione.
Sono stato molto contento di aver avuto l’occasione di fare mente locale e ripercorrere i vari film che mi hanno commosso, segnato e anche formato.
Ho pensato anche ai vari film collegati alla cucina così da fare una ricetta collegata agli altri post.
Ho pensato ai film più conosciuti come Ratatouille, La Grande Abbuffata, Julie & Julia, Pomodori Verdi Fritti, Chocolat, Marie Antoinette (che vi consiglio caldamente) ma non ne ero convinto. Facendo una ricerca ho ritrovato il titolo di un film che ho visto anni fa quando studiavo cinese alla facoltà di Mediazione Linguistica, che racconta la cultura orientale.
MANGIARE, BERE, UOMO, DONNA
Film taiwanese che narra la storia di uno chef vedovo e delle sue tre figlie. La vita nella casa ruota intorno all’abitudine di un cena raffinata ogni domenica e le vite sentimentali dei membri della famiglia. Vi consiglio caldamente di vederlo!
Ho cucinato una ricca e appetitosa pasta di soia in brodo, che, visto il freddo polare, direi che è azzeccata, e ho pensato di chiamarla come il titolo del film!
Gli ingredienti per 4 persone sono:
1 Cipolla
1/4 di Verza
1/2 Daikon (*)
1 Carota grande
1 manciata di Alga Wakame (trovate altre ricette nel blog – es. la ZUPPA DI MISO- e la spiegazione della sua proprietà)
160 gr di Tofu al naturale
100 gr di Vermicelli di Soia
Zenzero fresco grattugiato
Salsa di Soia
Sale
Olio evo (extra vergine d’oliva)
Prezzemolo (per la guarnizione)
(Potete anche mettere dei funghi champignon, io li ho dimenticati mannaggia)
1) Tagliate tutte le verdure. La cipolla e la verza alla julienne, carote e daikon a mezzaluna (carote e daikon potete pelarli ma se sono biologici e non hanno la buccia rovinata vi consiglio di lasciarli integri).
2) Fate soffriggere la cipolla a fuoco basso aggiungendo un pizzico di sale in modo da far uscire l’acqua (io ho usato dell’olio al peperoncino).
Appena è leggermente imbiondita aggiungete mezzo bicchiere d’acqua. Quando l’acqua è evaporata unite la verza, mescolate e aggiungete un altro pizzico di sale sempre per far uscire l’acqua. Fate insaporire bene. Cuocete fino a che la verza non è ben stufata.
3) Tagliate il tofu a cubetti e fatelo saltare in una padella con un po’ di olio. Controllate che non attacchi. Quando è dorato mettete un paio di cucchiai di salsa di soia, fatelo saltare per un paio di minuti in modo da fargli assorbire la salsa.
4) Quando la verza è pronta spegnete, aggiungete le carote e il daikon e mescolate (Rimarranno più croccanti ma si saranno insaporiti).
 
5) Mettete in ammollo in acqua i vermicelli per 10 minuti.
 
6) Mettete una pentola con acqua sul fuoco e aggiungete le alghe. 
 
7) Quando l’acqua sobbolle unite le verdure e il tofu saltato. Arrivata ad ebollizione aggiungete i vermicelli. Cuocete in base al tempo indicato. (Di solito sono 5 minuti). Non contengono glutine. Quelli secchi si trovano anche nei supermercati, ovviamente meglio se sono bio.
8) Lavate e grattugiate un po’ di zenzero fresco (la quantità va in base al vostro gusto) e unitelo, potete anche spremerlo all’interno così da non lasciare i pezzetti all’interno se non è zenzero biologico. 
 
9) Aggiungete qualche cucchiaio di salsa di soia (se usate la qualità Tamari il piatto può essere consumato anche da celiaci).
 
10) Versate e servite con delle foglie di prezzemolo per decorare. Fate in modo che in ogni porzione ci siano tutti gli ingredienti.
 
Il piatto è pronto! In 30 minuti avete un piatto molto gustoso, molto energetico e salutare dai sapori decisamente orientali!
DAIKON (*) Il daikon è un ravanello bianco gigante originario dell’Asia orientale, ha un ruolo importante nella cucina giapponese. Il daikon crudo può essere servito in insalata, come guarnizione per piatti di sashimi, oppure marinato in aceto. Il daikon davvero semplice da trattare e utile per una serie infinita di preparazioni. Favorisce la depurazione dell’organismo, a partire dalle vie urinarie, contribuendo a contrastare la ritenzione idrica. E’ diuretico e drenanteritenuto benefico per il fegato e nel caso di lievi malattie respiratorie, in quanto contribuisce a liberare le vie aeree dal muco. Favorisce la buona digestione , brucia i grassi, presenta un basso contenuto calorico. E’ considerato come una buona fonte di vitamina Cbeta-carotenecalcio e ferro.
Come sempre vi do appuntamento a domenica prossima per un’altra ricetta!
 
Abbracci e baci, di dama!
Japi






Previous Post

Andiamo al cinema...ma con criterio!

Next Post

Icon women - LE DONNE DI HITCHCOCK





6 Comments

on December 8, 2013

Meraviglia come al solito le tue ricette! Sei un grande!!! E bello il film, che ho visto, e del quale ne hanno fatto anche una versione “Americana”. Ma l’originale ha una poesia davvero unica. Bravo Japi! Un abbraccio

    on December 8, 2013

    E GRAZIE MILA. Per seguirci sempre in tutto.
    Sei il nostro angelo!!!!!
    <3 <3 <3

    on December 13, 2013

    Grazie mille davvero! Mi fa molto piacere che sia piaciuta sia la ricetta che il film! un bacio!

      on December 13, 2013

      JAPI siamo orgoglioso di te e del percorso alimentare che ci stai facendo fare.
      Ci stai aprendo un mondo nuovo e sconosciuto!!!!!

on December 9, 2013

Mi fa voglia. Lo proveró

    on December 13, 2013

    Grazie! Sono contento! Fammi sapere! Se non trovate il DAIKON potete sostituirlo con RAPA o RAVANELLI!!! <3



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *