Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

Il panettone milanese michele turco 1909

Blog / Food / Home Slider / December 19, 2019

Altro protagonista indiscusso del Natale è il Panettone, che risulta essere odiato o amato, per i canditi e l’uvetta, che ne contraddistinguono il sapore.

Nacque nel 1200 come pane lievitato, arricchito con miele, uva secca e zucca.

Nel 1600 acquisì la forma di una focaccia fatta di farina di grano e chicchi d’uva fino all’800 quando divenne un impasto che conteneva anche uova, zucchero e uva passa ( che simboleggiava un certo “tenore di vita” per chi poteva permettersela).
Sulla sua nascita, continuano ad esistere diverse storie.

Una di queste narra di Ughetto, il figlio del condottiero Giacometto degli Atellani, che innamoratosi di Adalgisa, s’improvvisò pasticcere presso il negozio del padre della stessa fanciulla, un certo Toni.

Per lei realizzò un pane così buono e speciale che la duchessa Beatrice convinse il padre Giacometto degli Atellani a far sposare il figlio con la ragazza popolana. Da quel momento il dolce inventato da Ughetto divenne famoso e la gente arrivo’ da ogni parte per acquistare il “pan del Ton”.

L’altra leggenda relativa alla nascita del panettone racconta che per la vigilia di Natale, alla corte del duca Ludovico, vi fu in serbo un dessert che avrebbe dovuto conquistare il palato dei commensali, ma leggenda vuole che questo pane a cupola finì per bruciarsi.

Il cuoco, preso dalla disperazione, ascoltò i consigli del suo povero aiutante Toni. Il ragazzo gli disse di servire il dolce ugualmente e di giustificare la crosta come parte integrante del dessert. La ricetta ebbe un tale successo che fu rinominata il “pan del Toni” fra applausi e complimenti.

Il nostro panettone @micheleturco1909 che abbiamo scelto per questo Natale e’ con l’uvetta sultanina e le scorze d’arancia candite.

E come sempre sono gli ingredienti di prima scelta a dettare la qualità di questo prodotto gourmet insieme all’attenzione posta nella lunga lavorazione che prevede diversi impasti e diverse lievitazioni.

Un’arte quella del panettone Turco che si tramanda di generazione in generazione e che il capostipite Virgilio Turco apprese durante la gestione della sua bottega in corso Vittorio Emanuele a Milano.

Noi da Milanesi adottati lo amiamo classico con uvetta e canditi e voi?
Amate il panettone?

 


Tags: , , , , , ,




Previous Post

Life planner: la vostra agenda motivazionale del 2020

Next Post

Cos’è l’autostima?





You might also like



0 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *