Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

Tofu strapazzato allo zafferano con carote e zucchine

Blog / July 21, 2013

1_japi5

Buona domenica carissimi!

Mi fa piacere che siate ancora qui a leggere la mia rubrica!! Sì, lo so che non è la prima volta che spiate le mie ricette e ne sono molto contento! Anche perché le scrivo apposta perché voi possiate riproporle!

Oggi vi delizierò, lo spero fortemente, con un’altra ricetta il cui ingrediente principale è un alimento poco comune: il TOFU!

Non storcete il naso finché non l’avrete provato. Se già avete assaggiato il tofu e non vi è piaciuto provate a dargli un’altra occasione!

Anche io non lo amavo, pur avendolo mangiato più volte, ma devo ringraziare i cuochi del ristorante macrobiotico-vegano “La Sana Gola”, presso cui ho fatto uno stage, per avermi insegnato ricette e trucchi per rendere il tofu davvero appetitoso!

Ve lo consiglio anche come pasto per il weekend, magari dopo essere andati a ballare la sera prima!

Il TOFU deriva dalla soia, che è un legume, quindi leggero e ricco di proteine! E’ una sorta di formaggio che si ricava dal latte di soia e può essere sia fresco che conservato e di diversi tipi: naturale, delicato, affumicato e prodotto con spezie diverse. Quello naturale che useremo per la ricetta lo trovate in panetti ed è abbastanza soffice e compatto.

Anche questo piatto è di facile realizzazione, come i precedenti. Pochi ingredienti e una grattugia alla mano! Il risultato sarà simile ad un piatto di uova strapazzate!

INGREDIENTI per 6 persone:

500 gr di tofu al naturale (lo trovate anche nei supermercati!! Controllate che abbia il logo del certificato biologico, la foglia verde con le dodici stelle come contorno)

6 carote di media grandezza

4 zucchine di media grandezza

1 bustina di zafferano

Olio evo (extra vergine di oliva)

Sale

1) Sciacquate il tofu sotto l’acqua (sempre meglio risciacquarlo!) e grattugiatelo a striscioline sottili.

2) Fate scaldare un filo d’olio in padella e aggiungete il tofu. Fatelo dorare bene per qualche minuto! Se mescolate ogni tanto non si attaccherà al fondo! Tenete il fuoco moderato e abbassate la fiamma dopo qualche minuto così non correte rischi! Meglio se utilizzate un pentola antiaderente, anche se quelle in ceramica sono imbattibili (peccato per il costo non proprio alla mano).

2_cover_foto 1 (71) (1)

3) Sciogliete lo zafferano in una tazzina con un po’ di acqua tiepida. Usatene metà o una intera in base ai vostri gusti!

4) Lavate e pelate le carote. Grattugiatele come il tofu!

5) Fate la stessa operazione per le carote con le zucchine!

3_foto 3 (69) (1)

6) Unite lo zafferano al tofu e fatelo insaporire.

7) Unite carote e zucchine grattugiate al tofu e fatele cuocere. Le verdure perderanno acqua e aiuteranno la cottura! Aggiungete del sale, che farà uscire i liquidi dalle verdure più velocemente!

8) Una volta cotte le verdure impiattate e servite!!!

Potete usare anche altre spezie come pepe, curry o peperoncino.

Io ho scelto di non usare sapori forti, perché il piccolo Mario Murr non è abituato al gusto piccante.

Non volevo certo rovinargli le papille gustative, o peggio ancora, la digestione! ahahah!

Tant’è che ha apprezzato tutto e pulito il piatto in fretta! Spero non solo per educazione! 😛

Io un po’ di piccante lo consiglio spesso, soprattutto d’estate, perché abbassa la temperatura corporea! Sembrerà strano, visto l’effetto immediato che provoca, ma se pensate ai piatti dei paesi più caldi, sono ricchi di sapori forti e piccanti!

La ricetta è finita: era o non era facile? Sì, lo era. Quindi non avete scuse! Andate a comprarlo, eseguite la ricetta e fatemi sapere cosa ne pensate!! Sono sempre molto avido di vostri riscontri!

Abbracci e baci, di dama!

Japi

4_foto 2 (80) (1)


Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,




Previous Post

IDRATARE I BAMBINI DOPO IL BAGNO

Next Post

Piccoli trucchi per ricominciare ad amare la nostra immagine anche quando il tempo non ce lo consente ....





You might also like



0 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *