Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

CULURGIONES sardi

Blog / Food / Home Slider / RICETTE / September 11, 2020

Noi che amiamo così tanto la Sardegna non potevamo farci mancare l’occasione, questa settimana di FAMILY FEELING, per preparare uno dei piatti tipici della tradizione di questa terra: i CULURGIONES.

Una particolare pasta ripiena tipo ravioli

chiamati in dialetto sardo anche culurgiònis , culurjònes , culijònis , culurjònis , culunjònis , culinjònis …. in base alle zone dove vengono preparati in italiano culurgiòn eo culurgiòni .

Si preparano rigorosamente e meticolosamente a mano e si farciscono con un semplice ma delizioso ripieno a base di patate, menta fresca e pecorino.

La cosa che contraddistingue questo tipo di pasta e ‘la caratteristica forma a bombetta e la chiusura intrecciata a spiga di grano.

Eccovi la ricetta completa!

INGREDIENTI PER 60 CULURGIONES

PER LA PASTA

  • Farina 00300 g
  • Acqua 290 g
  • Semola 200 g (grano duro rimacinata) 
  • Sale fino qb

PER IL RIPIENO

  • Patate a pasta gialla 1 kg
  • Pecorino sardo 100 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Menta 14 foglie
  • Sale fino qb
  • Pepe nero qb

PER CONDIRE

  • Passata di pomodoro 1 barattolo
  • Olio evo 
  • Basilico 3 foglie
  • Aglio 1 spicchio
  • Sale fino qb

Per preparare i culurgiones cominciate dal ripieno.

Lessate le patate gia ‘sbucciate versandole in una pentola alta con abbondante acqua fredda e salata.

Dopo circa 30-40 minuti di cottura, una seconda della loro grandezza, fate le prove con la forchetta per assicurarvi che siano cotte.

Scolate le patate ancora molto calde e schiacciatele con l’aiuto di uno schiaccia patate.

Raccoglietele in una capiente terrina e lasciatele raffreddare completamente.

Nel frattempo tritate 1 spicchio di aglio, rosolatelo in una padella con 2 cucchiai di olio per 30 secondi e unitelo alle patate.

Aggiungete il pecorino sardo grattugiato e le foglioline di menta tritate.

Mescolate il tutto aggiungete l’olio evo e aggiustate di sale e di pepe.

Dopo aver amalgamato per bene il composto, copritelo con pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero Possibilmente per tutta la notte.

Preparare la pasta versando in un recipiente la semola e la farina 00.

Unite 15 g di olio e l’acqua a temperatura ambiente.

Impastate brevemente a mano o con la vostra planetaria.

Trasferite il composto su una spianatoia e impastatelo per 3 minuti fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

Copritelo con pellicola trasparente e lasciatelo riposare a temperatura ambiente per 30 minuti.

In una macchina per tirare la pasta sistemate il panetto. Se volete potete anche dividerlo, è importante che però lo copriate con pellicola trasparente per non lontano seccare la pasta all’aria.

Dovrete tirare la pasta dello spessore più largo fino al penultimo, quindi di volta in volta aggiungete un pizzico di farina, se servire, per non lontano attaccare l’impasto ai rulli della macchina.

Potrebbe capitare che l’impasto assuma delle forme poco lineari: potrete pareggiarlo ripiegando i lembi verso il centro e rimettendo la sfoglia nella macchina per tirare la pasta, in questo modo avrete un rettangolo dalla forma esatta.

Mano a mano, dividete la sfoglia in rettangoli di pasta più piccoli e infine con una coppa pasta largo 7 centimetri formate dei dischetti (se non l’avete potete utilizzare una tazza non larga).

Prendete un dischetto tra pollice e indice, nel mezzo posizionato l’impasto di patate che avrete ripreso dal frigo, pigiate delicatamente in modo da appiattire leggermente il composto e pinzato alla base.

Dopodiché “pizzicare con le dita raccogliendo l’estremità e portandola prima da un lat o fino a chiudere l’altra estremità, ottenendo così la classica chiusura a spiga.

Continua così con tutti gli altri dischi fino ad avere tutti i vostri CULURGIONES pronti da cuocere.

IL CONDIMENTO

In una padella con olio evo ponete lo spicchio d’aglio sbucciato e lasciatelo insaporire qualche minuto, dopodiché versate la passata di pomodoro, aggiustate di sale, pepe e profumate con qualche fogliolina di basilico fresco.

Dopo circa 15-20 minuti di cottura l’eliminazione l’aglio.

Cuocete i culurgionis, pochi alla volta, in acqua bollente e salata. Ci vorranno circa 5-6 minuti e poi, come per gli gnocchi, quando saliranno a galla potrete scolarli impiattandoli e guarnendoli con un po ‘di pomodoro e qualche fogliolina di basilico.

LA CONSERVAZIONE

Potete conservare i culurgiones crudi tenendoli a temperatura ambiente per 1-2 giorni al massimo, coprendoli per bene con un canovaccio pulito.

In alternativa congelate i culurgiones da crudi. Per farlo però salvare cuocerli in acqua bollente per 1 minuto, in questo modo non si romperanno quando li cuocerete la volta successiva.

Una volta congelati potrete tuffarli, senza scongelarli prima, in acqua bollente e salata.

I suggerimenti di I MURR

Se preferite in alternativa all’aglio mettete in infusione uno spicchio d’aglio sbucciato nell’olio e lasciatelo così per 8 ore o una notte intera. Trascorso il tempo, elimina tranquillamente l’aglio. In questo modo otterrete un olio leggermente aromatizzato.

Più tempo rassoda l’impasto, più sarà compatto, quindi armatevi di tanta pazienza. Il ripieno può diventare ancora più buono per esempio aggiungendo della noce moscata!

Ricordatevi di cucinare con amore ogni vostro piatto. Questo è il segreto per rendere ogni ricetta veramente speciale!







Previous Post

Visita alla cantina Audarya a Sardiana





0 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *