Breaking

ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRussianSpanish

Lifesyle – Il check up dell’armadio primaverile

Fashion / Home Slider / Lifestyle / March 29, 2018

Le cosiddette “pulizie di Pasqua”, in vista dell’imminente festività che porta con sé anche lo sbocciare della primavera e l’abbandono definitivo dell’inverno, non possono considerarsi completate senza un attento check up dell’armadio a cui segue il cambio di stagione.

Non disperate, anche se il solo pensiero  di rivoltare il guardaroba vi fa rabbrividire. Non temporeggiate e agite, è giunto il momento!

Ve lo assicuriamo, l’organizzazione del guardaroba non è niente di trascendentale. Ci vuole metodo, come in tutte le cose. E, se ben fatta, ne trarrete solo soddisfazioni, ad esempio quella di aprire l’armadio e di poter comporre i vostri outfit senza fatica.

Sarà il vostro scrigno delle potenzialità. Immaginatevi senza il caos attorno a voi, la fantasia volerà e… voilà un outfit magnifico si comporrà, tutto per voi!

E la condizione di partenza e’ fondamentale per studiare outfit vincenti. Non vorrete convincervi che non avete mai niente da mettervi, vero? Nel caos del troppo e inutile vi perderete, nella selezione razionale vi ritroverete.

Infatti, il cambio armadio serve sia per la vecchia che  per la nuova stagione e vi permetterà di capire realmente cosa avete e, se necessario, integrate con nuovi pezzi. Possibilmente di qualità, meglio pochi ma buoni!

Siete pronti? Iniziamo. Vi riproponiamo il nostro metodoMURR:

  1. Eliminate, senza pietà, i capi che non indossate più. Tenerli a far volume non ha alcun senso e confonde solo le idee. Sbarazzarsi del superfluo sarà terapeutico e vi sentirete immediatamente alleggerite. Fatelo a costo di fare più selezioni, arriverete a prediligere solo l’essenziale, che avrà posto nelle vostre vite e nei vostri armadi.
  2. Fate un piccolo investimento sulle grucce: prendetele dello stesso tipo per creare ordine visivo ogni volta che aprirete l’armadio. E  adatte al capo che sosterranno. Per i capi spalla tenete conto della grandezza della spalla, la pesantezza e il modello, per scongiurare “crolli”…
  3. Dividete i capi per genere: abitini, gonne, pantaloni, maglioncini etc.
  4. Studiate i colori di tendenza questa PE, ve ne parliamo da gennaio, e recuperate tra quelli che già avete o investite nell’acquisto di un capo o un accessorio ultra violet, rosa tenue, pink lavender,  fucsia, rosso,  blu baby, giallo…
  5. Disponete le new entry per prime. Saranno la linfa vitale dei vostri outfit, il punto di partenza per costruirne di nuovi, abbinando i nuovi pezzi con quelli che avete da più tempo.
  6. Tenete bene in vista i pezzi basic primaverili che più amate, jeans, tubini e abitini, blazer, spolverini, gonne e camicie perché con loro giocherete, mixandoli con le new entry .
  7. Utilizzate tutto lo spazio disponibile.
  8. Tenete mensole e cassetti in ordine per ospitare tutto ciò che non si può appendere.
  9. Riponete gli accessori in scatole con le etichette, li troverete in un baleno!
  10. Conservate scarpe e borse sempre “in forma” con la carta.
  11. Riservate un cassetto alla lingerie, separando i reggiseni dagli slip e dai body. E conservatela con un profuma biancheria. Noi adoriamo la vaniglia…
  12. Stirate le calze prima di piegarle e arrotolate i collant nel cartoncino della confezione originale così sembreranno nuovi.

Bene, ora dovete fare una promessa… non permettetevi di lanciare o appallottolare i vostri capi. Ok? Se non avrete voglia di riporli nel loro spazio, li lascerete su una sedia e li sistemerete dopo…

E, last but not the least, quando aprirete l’armadio, imparate a guardarlo con occhi nuovi. Come se i capi davanti a voi fossero lì per la prima volta. Dimenticate il passato e date loro nuova vita. Combinateli in modo inedito e illuminateli con gli accessori. Ve lo garantiamo, sarà una meraviglia!

I MURR

Basics

 

 


Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,




Previous Post

ANCORA BEAUTY NEWS!!

Next Post

SHORTBREAD





You might also like



0 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *